La coalizione che ci piace di più

La descrive Stefano Menichini, oggi, su Europa.

Commenta oppure fai il trackback: Indirizzo trackback .
utente anonimo scrive:

@marco.marini69

un conto e' dire : chiunque si fosse presentato avrebbe vinto

Eh no. Pisapia è stato scelto proprio dagli elettori del PD nelle primarie, l'alternativa era Boeri, non la moratti. Stesso discorso per Zedda a cagliari. De Magistris a Napoli è stato preferito dagli elettori del PD al primo turno rispetto a Morcone.

E' inutile far finta di niente, gli esempi sono parecchi, l'elettorato del PD si è proprio spostato a sinistra, e i rapporti di forza interni non potranno che risentirne, al pari dei programmi.

Ganon

utente anonimo scrive:

Nel frattempo non ho ancora sentito dichiarazioni di veltroni: non voleva mica la verifica sulle posizioni del PD per vedere "se il percorso scelto dal partito è quello giusto"? E dei percorsi per trasferirsi in africa invece ne vogliamo parlare?!

Ganon

utente anonimo scrive:

@Sara

Beh, ha semplicemente riportato i fatti e le posizioni dei protagonisti citati, ma nel dettaglio ha lasciato uno spiraglio aperto…

A me non pare proprio, quelli del penultimo paragrafo sembrano giudizi definitivi, tra l'altro ho preso un editoriale a caso che ho trovato sul sito di europa , ma ne ha scritti parecchi con toni simili verso di pietro e verso la fiom. Certo, come ho già scritto, se poi ora di colpo ha cambiato idea, beh, ottimo, tutti hanno il diritto di cambiare le proprie idee, specialmente quando si rivelano sbagliate.

Ganon

marco.marini69 scrive:

un conto e' dire : chiunque si fosse presentato avrebbe vinto, un conto e' dire che idv+sel+pd = vittoria. inotre se guardiamo con attenzione pignola alcuni dati si rileva che : a varese la riconferma al 2o turno del leghista fontana ha rischiato di non concretizzarsi addirittura nella tana del lupo, con il candidato di csx che ha recuperato al ballottagio 16 punti (mi sembra) segno che qualcuno che al primo turno aveva votato in modo poi al secondo ha modificato il suo asse … vorra' dire qualcosa no ? io penso voglia dire cambiamento. a rovigo il sindaco e' cambiato da csx a cdx. a cosenza idem. insomma io penso che forse il dato nazionale, se di dato nazionale si puo' parlare e se si puo' parlarne adesso, con poche analisi alla mano, e' che le persone hanno cercato di 'cambiare' quello che c'era prima … specialmente laddove il colore uscente avesse fatto errori palesi. rifiuto a priori anche l'idea che sento rimbombare da piu' parti : il popolo ha parlato chiaramente e un politico serio deve ascoltare il popolo. calma un attimo. una cosa e' dire : la politica al servizio del cittadino. una cosa e dire : il politico deve fare cio' che dicono i cittadini. i politici devono avere loro idee, cercare di ascoltare le persone per capire i loro problemi e quindi, in un paese come l'Italia, trovando le giuste alleanza, cercare di dare soluzioni ai loro problemi invece che cercare di perpetuare la loro poltrona. punto. il popolo e' sovrano nel giudicare ma non e' ne' giusto ne' onnipotente e ogni politico deve ragionare con la sua testa.ascolto e ragionamento. i risultati verrano. se non verranno allora e' bene tornare alla vita civile. questo e' il succo della politica. in questo caso quindi bisogna cercare di capire se e come allearsi. per fare cosa e con quali candidati. se usare le primarie o meno. senza partigianerie, lavorando per trovare le soluzioni. si e' visto che rimanere uniti per non perdere la poltrona non paga tanto (a meno che non hai soldi per comprare i voti con mutui, prebende, posti di lavoro, poltrone in consigli di amministrazione, etc …) e non paga soprattutto la sinistra che non ha 'il potere' ma deve conquistarlo. per cui mi verrebbe da dire che non e' che bisogna schierarsi contro o a favore di 'strateghi' o 'dei giovani' bisogna usare il cervello, trovare possibilimente un linguaggio semplice con cui spiegare alle persone quello che si propone di fare per risolvere i loro problemi. visto che l'attuale governo non riesce a esprimere una linea efficace mi pare verosimile sperare che tenendo questa minima linea di condotta, semplice e chiara, non importa il colore di chi fara' parte della coalizione, tanto si vincera' … questo e' quello che penso … lavorare in questa direzione senza pregiudiziali ma con il cervello e la consapevolezza degli obiettivi da ottenere.

Sara_stones scrive:

Devo andare via ho un appuntamento per le 14 e 30 lo leggo dopo con calma

utente anonimo scrive:

In questo editoriale del 6 maggio ad esempio menichini critica duramente sia l'alleanza con Di Pietro, sia la FIOM. Guardate la penultima frase:

http://www.europaquotidiano.it/dettaglio/126407/pd_qualcosa_da_rivedere_ma_in_avanti

Ganon

Sara_stones scrive:

Sara senza H grazie :)

utente anonimo scrive:

@Sarah

Sì sì, è l'esito che ho sempre sperato, e che svariati sondaggi hanno sempre confermato, gli elettori del PD hanno sempre preferito a stragrande maggioranza le alleanze a sinistra.

Faccio solo notare che tali alleanze, specie con l'IdV, sono l'esatto opposto di ciò che menichini auspicava in parecchi suoi editoriali antecedenti a quello odierno, quindi non so se è il caso di citarlo.

Mettiamola così, tutti hanno diritto a cambiare idee, specie quelle che si rivelano sbagliate.

Ganon

Sara_stones scrive:

Si, era il quotidiano della Margherita, se no  sbaglio, ma comunque ora c'è il PD e il PD deve essere espressione della volontà popolare…. Il segnale è stato abbastanza netto e chiaro no?

utente anonimo scrive:

@Sarah_stones

In particolare, sono d'accordissimo con questa affermazione di Menichini. Il PD deve accogliere il desiderio dell'elettorato che ha deciso di spostare l'asse delle alleanze più a sinistra

Sono perfettamente d'accordo, lo dico da mesi su questo blog e queste elezioni lo confermano. Solo che è l'esatto contrario di ciò che ha sempre detto menichini, almeno prima di oggi.

Ma avete mai letto europa, almeno il sito? E' un quotidiano vicino all'ala centrista del PD, hanno sempre "velatamente" criticato l'alleanza con Di Pietro, e ai tempi del referendum di mirafiori avevano criticato la FIOM.

Ganon

utente anonimo scrive:

Civati, mi sa che stavolta prende un granchio, guardi che menichini sono mesi che sperava che il PD mollasse l'IdV, legga gli editoriali di europa delle settimane scorse.  O ha improvvisamente cambiato idea, oppure secondo me ha scritto quell'articolo in preda a un travaso di bile, visto che col successo di Pisapia e De Magistris ormai è certa l'alleanza PD-IdV-SEL.

Comunque il problema non si pone, dato il numero di lettori di europa…

Ganon

Sara_stones scrive:

L’hanno fatta gli elettori, la coalizione alternativa.

In particolare, sono d'accordissimo con questa affermazione di Menichini. Il PD deve accogliere il desiderio dell'elettorato che ha deciso di spostare l'asse delle alleanze più a sinistra, tra i suoi "fratelli naturali" e soprattutto c'è stato un elettorato deciso a ristabilire uno schema che forse non andava cestinato: l'Ulivo. Il "voto utile" è stato solo un motivo di rottura delle alleanze e della sinistra che solo unita può vincere. 

utente anonimo scrive:

tanto per stare ai temi degli elettori..
Per la formazione della giunta a Napoli, trovo che il PD darebbe un segnale di forte rinnovamento ad una delle tante persone usate come medaglietta e maltrattate dal partito, candiadando al ruolo di vicesindaco Rosaria Capacchione. Sarebbe un gran bel segnale anche in funzione anticamorra..
Riccardo Giuliano

utente anonimo scrive:

Lo so. Quelli che a Milano volevano rifare le primarie. Quelli che dopo il primo turno hanno fatto la 24ore su Sky. Quelli che la rifanno in tv e nei giornali. Quelli che Ma Anche. Lo sapete: i Quelli ci sono. Ma bisogna evitare l’alleanzese. O si affonda nel muro di gomma degli strateghi. Il mio è solo un invito: ascoltate Civati. Ci sono i temi concreti, strategici, che da soli determinano i perimetri. Sono i temi dell’innovazione, dello svecchiamento, della razionalizzazione. Nuovi progetti di vita, nuovi modelli di sistema. Sono i temi delle persone in piazza, dei nuovi elettori. A partire dai temi dei Referendum. Con entusiasmo, l‘entusiasmo che ha fatto vincere. Che farà vincere ai Referendum.
F.to 2.

utente anonimo scrive:

Condivido l'analisi di Menichini.

Marco 67