La critica liberale di Critica liberale

Critica liberale dedica una parte del suo ultimo numero al vostro affezionatissimo. Lo trovate qui. Poscritto. Una finestra di opportunità L’ultimo punto della disamina di scenario suggerisce una considerazione a parte, non più obiettiva ma propositiva, volta ad aggiungere al quadro una ipotesi di possibile…

  •  
  •  
  •  
  •  

Leggi

L’unica cosa peggiore del dibattito sulla sinistra è il finto dibattito sulla sinistra finta

In filosofia della scienza qualcuno diceva che una teoria scientifica si regge in piedi anche moltiplicando quelle che potremmo chiamare eccezioni. Fino a quando la teoria non si rivela superata. Anche per via, potremmo dire, delle troppe eccezioni. Ecco, mi pare che il tentativo di fare…

  •  
  •  
  •  
  •  

Leggi

Il giorno dopo

Leggo molto nervosismo nel fronte governativo, paragonabile a quello con cui è stata vissuta tutta questa campagna referendaria. Che per alcuni sembra non voler finire, nonostante l'esito inequivocabile. Continuate così, fatevi del male. Nessun dubbio circa l'operazione condotta magistralmente per far vincere gli altri. Nessun ripensamento….

  •  
  •  
  •  
  •  

Leggi

L’Italicum non va bene, giusto, ma chi l’ha votato, l’Italicum?

Adesso dicono tutti: adesso, pensa te, vorranno votare con l'Italicum!!! Ma chi l'ha votato, l'Italicum, con fiducia, come era accaduto solo una volta nell'Italia repubblicana? Personalmente, non volevo l'Italicum, né lo voglio. Per le stesse ragioni noiose che vado ripetendo da quando lo inventarono i nazareni,…

  •  
  •  
  •  
  •  

Leggi

Il vero cambiamento che vogliamo

Vogliamo cittadini, non clienti. Vogliamo sovrani, non fritture. Vogliamo eletti, non nominati. Vogliamo una Costituzione che unisce, non una 'riforma' che divide. Vogliamo comunità, non territori a cui imporre decisioni prese altrove. Vogliamo condivisione, non arroganza. Vogliamo serietà, non strizzatine d'occhio. Vogliamo il bene o…

  •  
  •  
  •  
  •  

Leggi

Il testo e il contesto della ‘riforma’ e le ragioni del nostro No

«Bisogna difendere il meglio quando non si può raggiungere l’ottimo», scrisse Errico Malatesta. Chi ha voluto proseguire la legislatura e fare le riforme nonostante il premio di maggioranza con cui le ha approvate fosse stato dichiarato incostituzionale? Chi ha scelto di fare un’unica legge di…

  •  
  •  
  •  
  •  

Leggi

Il 4 si vota sulla Costituzione, dopo ci sarà la stessa maggioranza (a prescindere dal risultato)

Seguite il ragionamento. Se le promesse di Renzi delle ultime ore fossero vere, saremmo certi che saranno rispettate anche dopo il referendum, a prescindere dal risultato, come si conviene a un uomo di Stato. E anche non dovesse convenire all’uomo di Stato, facciamo notare che…

  •  
  •  
  •  
  •  

Leggi

Lo stesso governo, un bis o Padoan: tanto diluvio per nulla

Lo diciamo da sempre, ora lo dicono quasi tutti e lo scrive questa mattina anche Repubblica, giornale molto vicino al premier. In caso di vittoria del No, Mattarella avrebbe tre opzioni: Renzi, Renzi bis o Padoan, cioè il ministro dell’economia del governo Renzi (che ci…

  •  
  •  
  •  
  •  

Leggi