Quel particolare tipo di uguaglianza

Riccardo Lombardi, 50 anni fa, ripreso da Rocco Olita.

Già nel 1967, in un discorso per le celebrazioni del primo maggio a Torino, Riccardo Lombardi spiegava: «la nostra lotta è contro la società affluente e il benessere, non già perché non vogliamo il benessere, ma perché vogliamo un certo tipo di benessere, non quello che domanda tremila tipi di cosmetici o una dispersione immensa di risorse, ma quello che domanda più cultura, che domanda più soddisfazione ai bisogni umani, più capacità per gli operai di leggere Dante o di apprezzare Picasso, perché questa, che preconizziamo, è una società in cui l’uomo diventa diverso a poco a poco e diventa uguale; diventa uguale all’industriale o all’imprenditore non perché ha l’automobile, ma perché è capace di studiare, di apprezzare i beni essenziali della vita».

  •  
  •  
  •  
  •  

Commenti

commenti